“costruire un mondo migliore è un gioco da ragazzi...”

costruisci con Rocco Luca-Alexander

Che cos’è la Casa Passiva?
Il termine “Casa Passiva” si riferisce ad un particolare standard costruttivo basato sull’ applicazione di tecnologie e materiali che assicurano all’edificio un’elevata qualità abitativa e un’evidente riduzione dei consumi energetici. “Casa Passiva” significa recuperare quelle energie prodotte da fonti naturali e non, emesse da elettrodomestici, fornelli, calore presente nel terreno e non ultimo il sole. Energie che diversamente andrebbero disperse.

via San Valentino 9/8 - 33080 Zoppola - PN | Mobile +39 349 7801351 | Fax +39 0434 979612 | info@casapassivaitalia.it

zero consumi, massimo comfort

Casa "Passiva"?
>>qualche spiegazione

>>1. Come funziona una Casa Passiva?
Questi edifici, sono caratterizzati da un rivestimento altamente coibentante (isolamento) e privo di ponti termoacustici, dotati di ampie vetrate rivolte a sud, e di un sistema di ventilazione controllato con recupero di calore. Le “Case Passive” sono pertanto in grado di sfruttare passivamente le irradiazioni solari e le sorgenti di calore interne (persone, apparecchiature, macchinari, illuminazione artificiale). In tal modo non c’è necessità di un impianto termico tradizionale per il riscaldamento invernale ed il raffrescamento estivo

>>2. Perchè non occorrono sistemi di riscaldamento tradizionale?
Le case passive sono edifici che hanno un ridotto fabbisogno energetico. Il benessere termico viene assicurato senza l’impiego di impianti di riscaldamento tradizionale. La temperatura ottimale viene garantita dall’aria immessa tramite un sistema di ventilazione con recupero di calore, alimentato da uno scambiatore a flusso incrociato che consente il mantenimento della temperatura a regime costante. L’effettivo valore del carico termico specifico deve essere minore o uguale a 10W/m2 ( Watt per metro quadro di superficie netta riscaldata); anche nei giorni più freddi, la richiesta termica sarà così bassa da rendere superflui ulteriori sistemi di produzione e distribuzione di calore.

>>3. Quanto costa una Casa Passiva?
Rispetto ad una costruzione di tipo tradizionale, il sistema “Fai da te” basato sull’utilizzo di mattoni ad incastro,fa ridurre notevolmente le spese di costruzione arrivando anche ad un risparmio del 50%. Può apparire elevato il costo dei mattoni ad incastro che è superiore a quello dei materiali convenzionali. Allora da dove deriva il risparmio? Il risparmio deriva dalla convenienza che questo tipo di materiale presenta durante le fasi costruttive: meno manodopera (i mattoni sono leggerissimi), nessun impiego di casserature (montaggio + fissaggio + smontaggio) i mattoni stessi fungono da casseratura, impiego di gru limitato solo alla costruzione del tetto e dei solai (non durante le fasi di edificazione). Inoltre il carico e lo scarico dei mattoni si effettua con grande risparmio nell’utilizzo di mezzi meccanici (fork lift) e di persone coinvolte (1 Camion = 2 persone x 2 ore).

>>4. Cosa si utilizza nella costruzione di una Casa Passiva?
Semplicemente impiegando :
> Mattoni Isorast in Neopor ad incastro 43 cm, tipologia muratura super grossa di coefficiente K di 0,11W
> Infissi Eco 2 con triplo vetro, cornice di legno o di materia plastica con coefficiente K inferiore a 0,5W
> Impianto controllato di aerazione con scambiatore di calore
> Disposizione dei fori a sud del fabbricato

mattoni Isorast

mattoni Isorast

>>5. Quanto e cosa risparmio rispetto ad una casa tradizionale?
L'impianto di riscaldamento di una abitazione di 140 mq produce annualmente 2,7 tonnellate di anidridecarbonica. Rispetto ad una costruzione di tipo tradizionale, un'abitazione passiva riduce l'impiego del riscaldamento di oltre 80%, nel rispetto delle più recenti norme europee in materia di risparmio energetico. Con l'innovativa tecnologia dell'abitazione passiva si riduce l'uso dell'impianto di riscaldamento al minimo, che si utilizza solo in casi estremi (per temperature esterne oltre -20°C), in un'abitazione è sufficiente montare un singolo elemento della potenza di 2 kW; praticamente un piccolo termoventilatore. Il consumo di quest'ultimo non supera quindi i 15 kWh per mq annualmente, il vantaggio della costruzione passiva è evidente

grafico dei risparmi

Fasi di realizzazione

il sistema di aerazione della casa passiva

casa passiva

1. L’aria fresca entra attraverso delle tubazioni sotterranee, poste a 3-4 metri per una lunghezza di 30 metri. In questo modo l’aria si riscalda (ad esempio se all’esterno ci sono -10°C passando nel terreno l’aria si riscalda fino a +6°C).
2. Passando attraverso uno scambiatore di calore, che scambia l’aria di scarico (20°C) con quella fresca, l’aria fresca viene portata a 16°C.

Un ulteriore aumento di temperatura è dato dal sole e dal semplice vivere in casa!

come funziona?

fai da te!
>>il sistema “Fai da te” riducce le spese di costruzione fino al 50%

buoni motivi per costruire una casa passiva

Temperatura ideale costante (No muffe e germi)

Isolante ecologico, atossico di lunghissima durata, resistente agli agenti atmosferici e all’invecchiamento

Senza riscaldamento - Con aerazione continua sia in estate che in inverno

Costruzione rapida (dai 3 ai 5 mesi) e facilissima. Risparmio elevati costi di lavoro

Casa fai da te con risparmio fino al 50% rispetto una costruzione tradizionale

Enorme risparmio di energia calorifica o energia elettrica per impianti di climatizzazione

Antisismica. La stabilità è garantita dal semplice riempimento con calcestruzzo

Finiture tradizionali. Nessun limite architettonico

F.A.Q.

Geom. Luca Alexander Rocco
P.iva 01587740935
C.F. RCCLLX78E12Z112U
via Pescincanna, 38 - 33080 Zoppola - PN
Mobile +39 349 7801351
info@casapassivaitalia.it

Per saperne di più contattateci o visitate il sito www.das-passivhaus.de

zero consumi, massimo comfort